PASSO E CHIUDO

…perchè non credo ci sarà molto altro da dire, e perchè le informazioni sui Forconi sono ormai facilmente reperibili.

forca miseria (spinoza.it)

forca miseria (spinoza.it)

vi lascio alla lettura di Spinoza.it (un blog serissimo)

Forca miseria [parte prima]

e assolutamente da non perdere anche

Forca miseria [parte seconda]

Il flop della Marcia su Roma, Forconi in difficoltà

Dopo le recenti divisioni, la “marcia su Roma” di mercoledi 18 si è rivelata un flop, ma le altre anime dei forconi rilanciano per domenica Davanti al Papa!

forconi-marcia-su-roma

Più che dei Forconi, quella di mercoledì 18 Dicembre è stata la manifestazione di Danilo Calvani, 51enne leader da Pontinia, il Forcone in Jaguar fondatore del Coordinamento 9 dicembre, che sarebbe l’esponente più a destra del triumvirato, al momento congelato. I seguaci di Danilo Calvani (pochi) si sono dati appuntamento alle 15:00 di mercoledi 18 Dicembre in Piazza del Popolo. Invece delle quindicimila teste previste, se ne sono viste a mala pena tremila. La piazza non era piena, neanche per metà. Continua a leggere…

Perchè si protesta?

12/12/2013
A Matrix dicono che il 69% condivide la protesta, anche se l’81% non ne conosce i motivi.

20/12/2013
Un sondaggio dell’istituto Ixè per Rai3 dice che il 79 per cento degli italiani non ha ancora compreso fino in fondo le ragioni della protesta

punto_di_domanda

…no comment…

Non avete un motivo per apprezzare i forconi? C’è Yulla Preti!

Non avete un motivo per apprezzare i forconi? Ve lo offriamo noi: Yulla Preti!

La 42enne, nota come “il puma”, guida la sezione di Reggio Emilia dei forconi. Ma è soprattutto autrice di Hit Stracult come “Me gusta el pelo” e “I’m a cougar”, l’inno delle tardone in cerca di carne fresca per le loro fauci (di plastica). Il testo della canzone? Rime a caso tendenza hot.

leggi l’articolo completo su DAGOSPIA

La spaccatura – L’inizio della fine?

Da una parte il leader siciliano del movimento dei forconi, Mariano Ferro, e il suo omologo veneto, Lucio Chiavegato. Dall’altra il leader del coordinamento nazionale «9 dicembre» Danilo Calvani, che qualche giorno fa ha fatto parlare di sé più per il passaggio in Jaguar che per i contenuti della protesta. All’inizio della seconda settimana di protesta, Calvani conferma la manifestazione a Roma di mercoledì prossimo, ma Ferro e Chiavegato temono il ripetersi di violenze simili a quelle viste a Torino nei primi giorni della protesta e preferiscono rinunciare al raduno.
Leggi l’articolo completo de Il Sole 24 ore

Lucio Chiavegato

Sul suo sito internet leggiamo: Basta Italia, Basta Lega, Basta Tasse. Prendiamoci la nostra libertà! VENETO INDIPENDENTE

lucio-chiavegato

Lucio Chiavegato, imprenditore di Bovolone, presidente di Life (Liberi Imprenditori Ferderalisti Europei). Combatte da anni “per la libertà del nostro Popolo Veneto”.
È stato eletto all’unanimità dopo che si è conclusa la sua avventura politica con il partito Indipendentista “Veneto Stato”.
In passato era già stato socio LIFE e presidente del LIFE VENETO per due mandati e LIFE NAZIONALE per un mandato, come dichiarava nel 2011, quando si candidava alla guida di VENETO STATO:

Mi vanto di essere un discepolo di Fabio Padovan, fondatore e leader indiscusso delle prime rivolte Venete contro il sistema italico. A lui sempre la mia immensa stima per avermi guidato verso la libertà mentale dalla sudditanza italiota.
Sono sempre stato presente alle manifestazioni più importanti del movimento, San Donà di Piave, Torre di Mosto, Verona, Venezia, Alessandria, Verbania.
Politicamente parlando ho sempre militato in partiti Veneti e non ho mai avuto cariche pubbliche.
Sono stato candidato nel Fronte Marco polo alle regionali del 2000, nella Liga Fronte Veneto nel 2001 alle politiche, e candidato nel PNE di Giorgio Panto nel 2005.
Dopo la morte di Giorgio il PNE è purtroppo naufragato verso la deriva italica.
Sono stato candidato con il PNV alle regionali del 2010, e sono fiero di essere un convinto INDIPENDENTISTA. Ormai unica alternativa al disastro italico.

Cosa è LIFE? Una associazione che negli anni passati organizzava i Gruppi di Intervento Rapido in supporto degli imprenditori in caso di controlli delle Fiamme Gialle. Come agivano? Lo ricorda un pezzo dell’Intraprendente: Continua a leggere…

Danilo Calvani

Debiti, ipoteche e l’impresa venduta all’asta. Il capo della protesta è inseguito dai creditori. Nel suo curriculum politico anche una fallimentare avventura come candidato sindaco di Latina nel 2011.

Danilo Calvani

Danilo Calvani

Piange miseria Danilo Calvani. «Macchè Jaguar, io non possiedo più neppure la mia azienda» va raccontando ai giornali il leader del movimento dei Forconi. E poi giù contro Equitalia, che l’avrebbe sommerso di cartelle esattoriali.

In realtà la carriera di Calvani, piccolo imprenditore agricolo dell’Agro Pontino, è andata a sbattere contro un decreto ingiuntivo da 140 mila euro per un mutuo concesso molti anni fa da Banca Intesa. Troppe rate non pagate e alla fine è arrivato l’ufficiale giudiziario.
Non è stata una catastrofe improvvisa. Sui registri immobiliari sono annotate ingiunzioni di pagamento che risalgono addirittura al gennaio 2006, ben prima che la recessione mettesse sul lastrico migliaia di piccoli imprenditori. E nella lista degli istituti che reclamavano la restituzione dei loro prestiti compaiono, oltre a Intesa, anche Bnl, Italfondiario e Sedibanca.
La resa dei conti è arrivata all’inizio di settembre, giusto pochi mesi prima che Calvani imbracciasse il forcone per liberare l’Italia. Dopo anni di solleciti, ingiunzioni e mancati pagamenti, la giustizia ha fatto il suo corso. Sono stati messi all’asta terreni e immobili intestati alla società Alaverde, controllata da Calvani insieme al suo socio Continua a leggere…

I forconi NON sono autotrasportatori

Lo sciopero degli autotrasportatori proclamato per la settimana 9-13 dicembre è stato revocato da Unatras, Fai Contrasport e Anita (sindacati degli autotrasportatori), a seguito di un incontro dall’esito positivo con il ministero dei trasporti.

Le minacce a Cinzia Franchini

Cinzia Franchini

Cinzia Franchini


Una nuova busta con minacce di morte è stata recapitata ieri a Cinzia Franchini, presidentessa di Cna Fita, l’associazione che rappresenta più del 30% degli autotrasportatori italiani, e che con forza dichiara, anche su Radio24: “I forcono non rappresentano gli autotrasportatori”.
A parlare della lettera è la Franchini stessa, che ha detto a Labitalia: “Dopo la lettera di minacce di venerdì scorso, un’altra lettera, molto pesante con esplicite minacce di morte nei miei confronti è stata recapitata alla Cna Fita di Agrigento. E alla fine di quella lettera si legge: ‘Viva la mafia viva i forconi’”.
Franchini non è nuova a questo tipo di trattamento, che le era stato riservato anche quando si oppose ai blocchi dei Tir di fine 2011 – inizio 2012. E oggi chiede agli organizzatori delle proteste di prendere le distanze dalle minacce ricevute, in particolare a Mariano Ferro, che è stato uno dei fondatori dei forconi siciliani e fautore dei blocchi dei Tir sopra citati. Continua a leggere…

Mariano Ferro

Mariano Ferro, imprenditore agricolo di Avola ex Forza Italia ed ex Mpa con ambizioni in politica, è stato candidato in passato a sindaco di Avola e poi alla Camera senza mai successo. E’ intervenuto all’assemblea regionale dell’Mpa di Raffaele Lombardo, sostenendolo alle ultime elezioni regionali.                                      mariano ferro Continua a leggere…

Chi sono gli organizzatori della protesta?

Non solo Forconi, preferiscono piuttosto raccogliersi dietro la neonata sigla Coordinamento 9 dicembre 2013. Il sito, che dichiara oltre sei milioni di accessi, è l’unica fonte ufficiale attraverso la quale passano le dichiarazioni e le variegate posizioni di questa protesta che vuole bloccare il Paese.

Coordinatori della protesta

Coordinatori della protesta dal sito ufficiale 9dicembre2013.it

Tre sembrano spiccare al vertice: Lucio Chiavegato, Danilo Calvani e Mariano Ferro, Continua a leggere…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: